A come… Atletica

Quale momento migliore de non questa quarantena per approfondire la storia dei nostri sport del cuore?!

Abbiamo pensato di scrivere un breve dizionario delle discipline sportive praticate dalle nostre società. Un po’ di storia dello sport e qualche curiosità per conoscere meglio il nostro sport preferito!

Come alfabeto vuole, cominciamo con la

A come…  ATLETICA

L’Atletica Leggera è un insieme di discipline sportive che possono essere sommariamente suddivise in: CORSE, CONCORSI (LANCI E SALTI), CORSA SU STRADA, MARCIA E CORSA CAMPESTRE.

Fin dalle prime origini della sua storia, l’uomo ha avuto modo di sfruttare e sviluppare certe capacità fisiche, come quelle di correre, saltare e lanciare oggetti. Si può affermare così che l’atletica abbia origini antichissime tanto da essere denominata, non a caso, la Regina degli Sport.

L’etimologia della parola atletica deriva dal latino athlētica (sottinteso artem ‘tecnica’) da athlēta che a sua volta deriva dal greco athletès dal termine athlos ‘lotta’.

Molte delle discipline dell’Atletica Leggera hanno origini antiche, e si tenevano in forma competitiva già nell’Antica Grecia.

L’Atletica Leggera venne inserita nei Giochi Olimpici fin dall’edizione del 1896, e da allora fa parte del programma olimpico.

Gli eventi di Atletica Leggera vengono solitamente organizzati attorno a una pista ad anello della lunghezza di 400 metri, sulla quale si svolgono le gare di corsa. Le gare di lanci e salti, invece, si svolgono sul campo racchiuso dalla pista.

Le gare di atletica si svolgono in qualsiasi periodo dell’anno; le specialità dell’atletica leggera sono le corse piane, ad ostacoli, i salti e i lanci. Le corse piane vengono effettuate su una distanza di 100 200 e 400 metri,  tra le corse piane rientrano le corse di mezzofondo effettuate su una distanza di m 800 , m 1000 e m 1500; le corse di fondo su una distanza di m 2000, m 3000, m 5000 e m 10000; la maratona e le corse staffette di m 100 x 4 e 400 x 4. Le corse a ostacoli vengono percorse superando degli ostacoli fissi, la distanza per gli uomini è di m 110, mentre per le donne è di m 100. La marcia si tratta di una camminata particolare che viene effettuata o su una pista o su una strada. La corsa campestre viene effettuata su un terreno accidentato e su una distanza da km 3 a 6. Fanno parte dei “concorsi” le gare di salto e di lancio. Le prove multiple sono rappresentate dal Decathlon maschile e dall’Eptathlon femminile; queste gare vengono effettuate da un solo atleta in due giornate. Tutte le gare di atletica, ad eccezione della maratona e della corsa campestre si svolgono in uno stadio; si tratta di un copertura erbosa sulla quale ci sono i vari settori che sono destinati ai salti e ai lanci; questo manto erboso è circondato da una pista realizzata con un materiale sintetico di colore rosso. La pista misura 400 metri , presenta una forma ovale ed è suddivisa in 6-8 corsie con due rettilinei nei lati lunghi di 100 metri e due semicerchi; il numero delle corsie va da 6 ad 8, larghe ognuna m 1,22 e tra loro sono separata da una linea continua larga cm 5 e di colore bianco; sulla corda è segnato il punto di partenza e il punto di arrivo è unico per tutte le gare. Il senso di tutte le corse è antiorario.